L'antica scienza della Geometria Sacra

21/1/2019

“La filosofia naturale è scritta in questo grandissimo libro che continuamente ci sta aperto innanzi agli occhi, io dico l’Universo, ma non si può intendere se prima non s’impara a intender la lingua e conoscer i caratteri nei quali è scritto.

Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri son triangoli, cerchi ed altre figure geometriche, senza i quali mezzi è impossibile a intenderne umanamente parola; senza questi è un aggirarsi vanamente per un oscuro labirinto.”

Il Saggiatore, Galileo Galilei

 

La scienza della geometria sacra è stata studiata e preservata con cura fin dall’antichità.  

Cosa si intende per geometria sacra e cosa c’è di così sacro nella geometria?

Nelle scuole mistiche, esoteriche e spirituali del passato si insegnava che la geometria è stata usata da Dio per creare l’Universo.

La geometria sacra è un insieme di rapporti e formule che permettono all’uomo di rimanere in contatto con tutte le emanazioni energetiche che giungono costantemente dal cosmo.

La geometria sacra è la struttura morfogenica che sta dietro la realtà stessa, è l’immagine della struttura del cosmo e può essere utilizzata come lettura simbolica rappresentativa dell’universo.

E’ presente in ogni cosa e nell’armonia geometrica di ogni struttura si ritrova la proporzione evolutiva di ogni elemento dell’universo, di cui rappresenta la verità trascendentale. 

Perché ad oggi parliamo ancora di geometria sacra?

La ragione è che la geometria sacra, analizzata tramite la fisica quantistica, sembra essere la chiave di lettura dell'Universo, vediamo in che modo.

L’universo è vibrazione, e i principi della geometria sacra sono direttamente proporzionali a tutti i fenomeni di forma d’onda.

La geometria sacra contiene molti elementi misteriosi che descrivono elegantemente molti fenomeni come la crescita delle piante, le proporzioni del corpo umano, l’architettura antica, l’orbita dei pianeti, la luce, la struttura dei cristalli, la musica.

 

La geometria sacra si manifesta attraverso i simboli, nel simbolo sono spesso racchiusi diversi concetti contemporaneamente, il simbolo è un codice contenente una mole enorme di informazioni che si trasferiscono nel cervello in maniera subliminale.

Secondo la scienza il nostro cervello trasforma tutte le informazioni in entrata in immagini, prima di trasformarle in pensieri, parole e concetti e lo stesso avviene in uscita, è quindi dimostrato che il cervello umano funziona per archetipi.

Gli archetipi e le icone della geometria sacra sono realtà assolutamente perfette, immutabili, senza tempo e scaturite direttamente dalla “Mente di Dio”.

Un’immagine, quasi sempre geometrica, nasconde un significato a volte anche molto complesso.

La scienza arcaica della geometria sacra risale fino alla civiltà Egizia, ma può essere un'eredità della civiltà mitica di Atlantide.

Si può affermare che gli Egiziani abbiano applicato la geometria sacra nella costruzione delle Piramidi e di molti altri monumenti.

 

La geometria sacra a volte viene chiamata linguaggio della luce o linguaggio del silenzio, questo è molto significativo, in quanto è a tutti gli effetti un linguaggio, è l’idioma attraverso il quale viene creata ogni cosa.

Negli antichi insegnamenti di geometria sacra, la sacralità di tutte le cose nell’Universo può essere descritta in termini di schemi geometrici provenienti dalla mano di Dio.

 

 

Nei prossimi articoli vedremo il modo in cui l’architettura sacra si manifesta a noi nella vita di tutti i giorni.

 

Fol(f)low

Please reload

PARTE ACCADEMIA EVOLUTIVA! SCOPRI COME ISCRIVERTI
ISCRIVITI ORA!
Categorie articoli
Please reload

TAG
Please reload